International Day of Radiology

Care Socie, cari Soci

oggi è la giornata internazionale della Radiologia.

Non è un caso che quest’anno si sia scelto di celebrare il nostro ruolo di Medici Radiologi: siamo infatti di nuovo chiamati a presidiare le nostre strutture ed a svolgere con rinnovata determinazione e professionalità il nostro lavoro.

Ad inizio anno siamo stati i primi, nel mondo occidentale, ad offrire a tutti i nostri Colleghi un supporto, sulla base delle competenze acquisite sul campo per la dura esperienza che stavamo affrontando.

Ora siamo di nuovo in prima linea, forti di una solida conoscenza e maggiore consapevolezza; ogni giorno ci confrontiamo con sfide professionali e organizzative sempre più difficili, con grandi rischi per la sicurezza nostra e delle nostre famiglie, come molti Colleghi hanno duramente sperimentato.

Consci di dover affrontare questa indomita pandemia, talora anche non adeguatamente supportati da una tempestiva ed efficace regia centrale, siamo comunque di nuovo pronti a non arretrare e a dare il nostro indispensabile contributo di fronte ad un morbo che condizionerà la nostra vita ed il nostro lavoro ancora per molto tempo.

Strutture e percorsi dedicati, spazi e tecnologia adeguati, organici rafforzati, competenza e professionalità saranno certamente i mezzi più adatti per affrontare questa emergenza ed offrire ai nostri pazienti il supporto diagnostico di cui hanno bisogno.

L’uso appropriato e consapevole delle tecnologie, l’interpretazione clinica volta all’inquadramento non solo diagnostico, ma anche prognostico e terapeutico, sono e saranno sempre la base della nostra professione.

Come Presidenti della nostra gloriosa Società Scientifica siamo stati costretti a ripensare il nostro ruolo per adattarlo alle incombenti necessità che questa situazione emergenziale comporta. Lo abbiamo fatto lavorando congiuntamente e continueremo a farlo, vicini ai nostri Colleghi.

Siamo sicuri che i Radiologi Italiani sapranno essere come sempre, anche in questa nuova emergenza, un pilastro fondamentale del nostro Sistema Sanitario Nazionale.
 
Buona giornata del Radiologo e buona vita e buon lavoro a tutti Voi. 

Il Presidente Eletto                                                                    Il Presidente
   Vittorio Miele                                                                         Roberto Grassi




Vittorio Miele Presidente SIRM per il biennio 2021-2022

Si segna di fatto il passaggio di consegne fra il Prof. Roberto Grassi, che continuerà a guidare la Società Medico-Scientifica più grande d’Italia sino alla fine del corrente anno, e il Dott. Vittorio Miele, Presidente Nazionale della SIRM per il Biennio 2021-2022. La SIRM – dichiara il Dott.Vittorio Miele – rappresenta la Società di riferimento scientifico, professionale e di formazione continuativa post universitaria per migliaia di radiologi italiani, giovani e meno giovani, contribuendo al progresso delle scienze radiologiche diagnostiche, interventistiche e affermandosi come  l’unico e autorevole interlocutore per le Istituzioni di governo, del sindacato, dell’accademia delle associazioni dei pazienti, dell’industria, delle altre società scientifiche di specialità clinica e radiologiche internazionali. E continua il prof. Roberto Grassi affermando che “Anche in questo difficile periodo, in piena emergenza pandemica di COVID-19, la SIRM ha dimostrato la sua insostituibile funzione di coordinamento e guida dei radiologi italiani. La immediata distribuzione a tutti i Soci  di  documenti e linee guida per la corretta diagnosi e riorganizzazione operativa dei reparti diagnostici, l’attivazione di un data-base comune di casistica e un supporto da parte dei colleghi operanti nei centri di maggior esperienza con la realizzazione di un “Referto Strutturato” in grado di omogeneizzare e guidare l’interpretazione dei reperti TAC dei pazienti affetti da patologia polmonare da COVID,  hanno consentito un rapido diffondersi delle conoscenze nei centri piccoli e grandi meno coinvolti all’inizio della pandemia”, ancor più velocemente del diffondersi della malattia.  




Standing ovation per il Presidente SIRM Roberto Grassi

Il consiglio direttivo della SIRM e tutti i soci presenti nell’auditorium hanno tributato una standing ovation al Presidente SIRM uscente, il Prof. Roberto Grassi, al termine della sua relazione conclusiva.




Andrea Giovagnoni eletto Presidente SIRM per il biennio 2023-2024

Nel corso deI 49° Congresso della Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica (SIRM) è stato eletto Presidente per il biennio 2023-24, il prof. Andrea Giovagnoni, Ordinario di Radiologia dell’Università Politecnica delle Marche e Direttore del Dipartimento di Scienze Radiologiche dell’Az. Ospedali Riuniti “Umberto I, Salesi, Lancisi”. “Sono davvero contento ed emozionato – commenta Giovagnoni – per questo incarico di grande prestigio e responsabilità. Ho avuto la fortuna di essere da anni all’interno della Società come consigliere prima e poi come Editor della prestigiosa rivista scientifica societaria “La Radiologia Medica”; questa elezione premia non solo l’impegno personale ma afferma il grande valore di tutta la Radiologia anconetana che nel corso degli anni è cresciuta è si affermata sia a livello nazionale che internazionale. Fare il Presidente della SIRM non è un compito facile; la SIRM, fondata a Milano nel 1913, è oggi  la più grande società scientifica nazionale accreditata al Ministero e la più numerosa Società di radiologia d’Europa, riunisce i medici radiologi italiani (universitari e ospedalieri) con più di 11000 soci .




49° Congresso Nazionale SIRM

Si è aperto giovedì 1 ottobre a RIMINI, il congresso nazionale della SIRM, che con i propri 12.000 soci è una delle più grandi società medico scientifiche accreditate presso gli organismi governativi, racchiudendo tutta la compagine dei professionisti della Radiodiagnostica operativi nel contesto ospedaliero, universitario e dei liberi professionisti.

La lettera di saluto del Ministro Roberto Speranza




Le nuove regole sulla Radioprotezione in Italia

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legislativo n.101 del 31 luglio 2020 che costituisce il nuovo testo sulla radioprotezione in Italia. A distanza di 6 anni e mezzo dalla direttiva 2013/59/Euratom, l’Italia si dota di un provvedimento di recepimento che costituisce lo strumento normativo per l’atteso riordino della materia.

Clicca qui per scaricare il decreto legislativo in formato pdf.




ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA S.I.R.M. Palacongressi di Rimini, 1 e 2 ottobre 2020 – Ordine del Giorno

Pubblicato il 17 agosto 2020




Webinar SIRM

Attivati i Webinar SIRM! Clicca qui




COVID-19 Corona visibile: casistica radiologica italiana

Clicca qui per consultare il database radiologico italiano sul COVID-19.

Click here to open the English version of the COVID-19 Radiological Italian Database




COVID-19: procedure radiologiche e prevenzione

Procedure radiologiche e prevenzione della diffusione di COVID-19 nei Dipartimenti di Radiologi

Procedure Ospedale Spallanzani – Roma

Procedure Ospedale Spallanzani versione 2 – Roma

Procedure Ospedale Cotugno – Napoli

Procedure Commissione Cinese (versione italiana)

Journal of American College of Radiology (english)

Utilizzo della diagnostica per immagini nei pazienti COVID-19 (documento intersocietario SIRM, SIUMB, FISM)

COVID-19 in Italia: cosa ci aspetta? (A. Remuzzi, G. Remuzzi – Lancet)

Procedure verifiche INAIL

La protezione delle vie aeree: mascherine e filtranti facciali in Radiologia. (Ospedale Cotugno – Napoli)

Tecniche HRCT in pazienti COVID-19

Procedure pazienti pediatrici COVID-19

Guidelines for the Management COVID-19 Paediatric patient

Lettera Prof. Sverzellati

Valutazione parenchima pazienti COVID-19

Modalità di comportamento esame ecografico con pazienti COVID-19

Norme per la sanificazione della sala e dell’apparecchiatura TC

Use of CT and Artificial Intelligence in Covid-19

Impact of coronavirus disease 2019 (COVID-19) emergency on Italian radiologists: a national survey

Stato dell’arte sull’impiego della Diagnostica per Immagini per COVID-19 – Rapporto ISS